I diari bollenti di Mary Astor. Per ricordare sulla pelle.

mary

Ci sono vite che non le devi scoprire.

Ne leggi e sono già tue.

Così per me è stata quella di Mary Astor.

Continua a leggere…

Annunci

A gambe aperte aspettando Eva. Ops … Alessandro.

madredieva

Se c’è una parte del corpo che mi si è contorta continuamente durante la lettura di “ La madre di Eva” , quella è proprio la pancia.

Si è indurita, ha sussultato, è diventata casa per il respiro profondo. Mi ha fatto male e continua farmene ogni volta che ci penso e apro una pagina del libro.

Questa fisicità raramente mi capita, ma posso dire di aver vissuto il racconto come la madre di Eva. Attraverso un parto.Continua a leggere…