Caetano Veloso – Un cuore vagabondo

caetano-veloso-giornata-mondiale-terra-default

Triste Bahia, una delle canzoni più commoventi del repertorio velosiano. Il berimbau che apre con forza il brano immerge in quel Brasile che Caetano desidera come e più di una donna, e il suono percuotente del berimbau continua la sua marcia portando in processione le parole che Veloso sembra recitare quasi in trance.

Quale magico mondo musicale compone l’anima altrui ? Chi ascolta musica brasiliana che gusti può avere ? cosa gli piacerà mangiare ? e che  libro terrà sul comodino ?

Piccole indagini quotidiane. Piccole curiosità che devono sfamare la mia passione per il genere umano e mettere ordine alle mille informazioni che mi arrivano dal mondo.

Caetano Veloso è il Brasile. E’ l’amore per la sua terra. Igiaba Scego una donna, che ritrova tra le sue note sé stessa e  la forza di essere somala in una terra non sua.

Capelli ruffi

cuffie che come un cerchietto

donano note colorate

e naturali,

alle orecchie nascoste

dalla chioma fluente.

Un lavoro

può rappresentare la vita:

quando abiti un luogo dell’anima

e lo trasmetti

non c’è più confine,

ciò che è il tuo battito

è ciò che si ode

fuori.

Un fratello,

una sorella,

la Patria,

il Sangue.

Sentire la radice,

in esilio

per difenderla.

Sofferenza

posta come preghiera

davanti a quell’altarino

dell’anima che

deve restituire

gioia

forse

un giorno.

Ora i colori

Velosiani

esistono,

sono patrimonio

del mondo

sono l’arancione

della frutta tropicale

il verde

delle foreste

il blu

delle piume tropicali.

E’ il giallo del sole e del mais

è il raggio di calore che penetra il cuore

e accende il filo della musica

da Nord a Sud,

per sentire il sole

nel ghiaccio polare.

Ed ora, libro alla mano, chiudete gli occhi, sdraiati in poltrona e ascoltate questo concerto di note; potrete capire cosa è il Tropicalismo, cosa vuol dire fare della propria musica il proprio pentagramma, far vivere nel corpo la propria rivoluzione. Per esserci con tutto sé stessi, senza compromessi.

Igiaba Scego “Caetano Veloso. Camminando controvento” – Add Editore

Grande lezione questa, maestro Caetano !

Grazie Iciaga Sceba per la tua passione.

Con una caixinha de fosforos in mano.

Giorgia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...