Odo di voci del ’45

261-la-seconda-guerra-mondiale

Amo la vetrina del mio negozio.

Piccola. Verticale. Crea la giusta distanza dal mondo.

Sento, se tengo la radio spenta, i commenti dei passanti. Le loro conversazioni.

Oggi, mi è capitato di alzare lo sguardo dal computer, attratta da una voce dall’accento marchigiano. Timbro maschile, adulto.

1232568207xwmdlyq-600x482

Due anziani, vestiti d’autunno, parlano dei tedeschi. Di quella guerra che sembra essere stata da sempre la Grande Guerra, l’ultima, quella che ha visto partecipe l’Italia.

Una riflessione mi balza alla mente: ma è davvero e realmente l’ultima guerra ? Assolutamente no Giorgia, lo sai. Se ne continuano a combattere anche oggi, ora.

Per loro, per le nostre teste argentate, quella rimarrà sempre la sola e unica battaglia da raccontare. Ha con sé la giusta dose di avventura e rischio, la sentiamo ancora sulla nostra pelle. Le nostre montagne ne portano ancora le tracce.

Oggi  8 novembre 2016, con un mondo che va a rotoli, la Seconda Guerra Mondiale crea ancora branco e ricordi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...