Un amore chiamato Russia. Lo racconta Paolo Nori.

russia

Già dalle prime pagine questo libro ti cattura, ti conduce dentro risvolti di libri che non hai ancora letto, dentro ad un mondo solo immaginato, dove Paolo Nori ti accompagna prendendoti per mano, attraverso un percorso preciso. E senti il cuore, quello che lo ha supportato nelle scoperte russe, di vita e di scrittori.

Facciamo, però ora, un passo indietro.

Paolo Nori, scrittore e traduttore affermato e amato nel panorama italiano, ha uno stile tutto suo di raccontare storie. E’ parte di quel piccolo mondo antico, dove la provincia emiliana è teatro di vita, dove diventa necessario adottare il proprio slang per rendere ancora più autentica la narrazione.

Laureato in lingua e letteratura russa, non passa momento della sua vita a sentire sotto pelle questo grandissimo amore. Un amore che non è solo idioma, ma anche paesaggio, è trovare nella vita vera le grandi immagini che hanno determinato i suoi adorati romanzi russi.

La Russia può vivere di cliché: freddo, suicidi, vodka e povertà. Paolo Nori ci porta dentro alle pagine dei romanzi che ha amato, intorno alle persone che lo hanno condotto e lo conducono ancora in questo viaggio verso il Grande Freddo, la Russia sembra un grande libro sempre aperto nella sua vita, che ha ancora spazio e pagine da riempire.
Quando diventa necessario praticare un mondo, perchè è parte di te, perchè sei tu, nella tua sensibilità, nel tuo modo di sentire fremere il giorno.

Una lettura che avvicina e trascina. Una lettura che stimola alla ricerca e a fare  un biglietto per Mosca, una lettura che sa di patate e fuliggine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...